31 maggio 2016

The Path

Quando i film si fanno ad episodi.

Il grande ritorno di Aaron Paul in Tv dopo il successo, difficile da dimenticare, e da sostenere, di Breaking Bad.
Il ritorno pure di Hugh Dancy, dopo la fine prematura di Hannibal.
Un altro step in una carriera ormai alla svolta per Michelle Monaghan dopo True Detective.
Un trio di attori insomma, niente male, noto sopratutto -almeno i primi due- per una bravura che mette i brividi.
In più, una trama che parla di sette, di movimenti religiosi che fanno il lavaggio al cervello, fede e dubbi, amori e tradimenti.
Si inizia sempre così di fronte a una delusione.
Elencandone le premesse che ci facevano ben sperare e che hanno invece portato ad essere la delusione che ne è seguita, una delusione ancora più cocente.

30 maggio 2016

Biglietto, Prego! - Il Boxoffice del Weekend

Da blockbuster a blockbuster: sarà così da qui alla fine dell'estate, con i filmoni di grido e acchiappa-pubblico a susseguirsi al primo posto.
Non stupisce quindi vedere che il nuovo capitolo di Alice ha agguantato la vetta, stupisce un po' di più un incasso non proprio entusiasmante e che il filmone della scorsa settimana -gli X-men- sia già sceso al terzo posto.
A tenere testa ai due, Virzì che con La pazza gioia fa il pieno per la seconda settimana (sold out nel cinema della mia città, per dire).
La classifica si smuove grazie alle entrate di Almodòvar, Pelè e l'horror Somnia, ma raccolgono le briciole lasciate dal podio.


I dettagli:

29 maggio 2016

Rumour Has It - Le News dal Mondo del Cinema


Jake Gyllenhaal e Denis Villeneuve ancora insieme, Jo Nesbø ancora adattato al grande schermo.
La rubrica delle news si apre con due ottime notizie in una visto che attore e regista arrivano così alla terza collaborazione dopo gli ottimi Prisoners e Enemy, e visto che ad unirli è una storia nera e di vendetta.
La storia che andranno a raccontare in The Son, vede protagonista Sonny Lofthus, galeotto ed ex promessa della lotta, che inizierà a cercare gli assassini del padre poliziotto, solo apparentemente morto suicida.
Basta per destare l'interesse?

28 maggio 2016

The Lady in the Van

E' già Ieri. -2015-

Io non lo so da dove venga questo mio amore per i vecchietti.
Me lo chiedo da un po', facciamo da sempre, ma una risposta esaustiva non l'ho trovata.
Forse è quel lato malinconico che mi porto appresso che mi fa apprezzare, amare, la malinconia e la tenerezza della bellezza degli anziani.
Quelle rughe, quegli occhi stanchi, quelle mani macchiate che nascondono una storia, fatta di anni e anni, che anche se raccontata, non possiamo mai conoscere, capire davvero.
È la bellezza dell'ignoto, la nostalgia di un passato in cui non eravamo.
Troppo poetico?
Sì, lo ammetto per prima.
Ma che ci posso fare se vedo un anziano solo, ad un concerto, e mi commuovo più per lui, lì, solo e felice, che per la musica che si sente, finendo per pensare più alla sua storia, a cosa lo abbia spinto ad essere lì, che non a quanto stiamo sentendo?
Sono una gerontofila.
Inguaribile.

27 maggio 2016

La Pazza Gioia

Andiamo al Cinema

Lei, Beatrice, è una pazza logorroica.
Una pazza che si dà tante arie, che a Villa Biondi detta regole peggio degli operatori, che tutto vuole sapere e tutto sa: ha i contatti giusti, ha cenato e festeggiato con Silvio, quel Silvio, e si ritrova rinchiusa lì dentro a causa dei giudici comunisti, di un errore di giudizio.
Lei, Donatella, è una pazza depressa.
Chiusa in se stessa, a Villa Biondi entra con una gamba rotta, con solo il suo telefono, le sue cuffiette e una foto del padre. Quello che vorrebbe, però, è una foto del figlio.
Donatella e Beatrice, una schiva, misteriosa, l'altra allegra, aperta, formano una strana coppia che sembra aiutarsi a vicenda, a scavare in profondità da un lato, ad aprirsi e sorridere dall'altro.
Ecco perchè gli operatori decidono di mandarle insieme a lavorare fuori da Villa Biondi, ecco perchè la loro fuga riesce così bene.
Perchè Beatrice e Donatella, scappano, ma non scappano da un luogo che le tiene rinchiuse, scappano più per gioco, per cercare quella felicità che gli manca, quel passato a cui vorrebbero tornare.
E finiranno per farci i conti, con quel passato.

26 maggio 2016

Silenzio in Sala - Le Nuove Uscite del Weekend

C'è il blockbuster di turno, anche se minore, c'è il film d'autore, c'è l'horror settimanale, il film d'essai e a fare da contorno, le immancabili pellicole e pellicoline italiane.
Come sempre, c'è un po' di tutto in sala, meglio andarci preparati che di imperdibile c'è gran poco:

Alice attraverso lo Specchio
Il film più bistrattato dai fan di Tim Burton e non, produce un sequel, decisamente non richiesto.
Confermato il cast (Johnny Depp, Anne Hathaway, Mia Wasikowska, Helena Bonham Carter), non il regista, sostituito da James Bobin.
La voglia di affrontarlo, per quel che mi riguarda, non c'è.
Trailer
Julieta
Torna l'Almodòvar più serio, quello legato alla famiglia.
Con una madre, che rivive il ricordo di una figlia.
Da vedere.
Trailer
Colonia
Storia vera, quella del colpo di Stato cileno del 1973, con un amore separato al centro: quello tra Emma Watson e Daniel Brühl, lui torturato e segregato, lei che farà di tutto per salvarlo.
Nonostante le premesse da melodramma, potrebbe sorprendere.
Trailer
Pelé
Biopic su Edson Arantes Do Nasciment, al secolo Pelé, calciatore partito dalle strade più povere del Brasile.
La produzione americana edulcora però il tutto, per un risultato che puzza troppo di buonismo.
Trailer
Somnia
L'horror della settimana vede protagonista un bambino appena dato in adozione con seri problemi durante la notte.
Niente di nuovo, l'unica favilla di interesse la accende il fatto che ad interpretarlo sia la rivelazione di Room Jacon Tremblay.
Trailer


Tangerines - Mandarini
Dall'Estonia arriva questo piccolo film, che racconta la sconosciuta guerra di Abkhazia (1992 - 1993). A resistere, due amici e vicini di casa, e la loro produzione di mandarini.
Film d'essai, che può interessare, ma la voglia di leggerezza è forte.
Trailer


Fräulein - Una fiaba d'inverno
Commedia romantica di cliché, con lei zitella additata da tutto il piccolo paese, lui nuovo arrivato che vincerà le sue resistenze.
Se il lui in questione è un Christian De Sica che gigioneggia per l'essere fuori dai soliti ruoli, il tutto appare già visto, già vecchio.
Trailer


Fiore
Altra storia d'amore, ma ben più seriosa.
Il lui e la lei sono infatti dentro a un riformatorio che li divide, ma il passato di drammi e cadute li unisce.
Troppa seriosa.
Trailer


Stella Cadente
Dalla Spagna, e da due anni fa, la storia di Amedeo di Savoia, reso re di Spagna, in realtà burattino di un governo fasullo.
Amatorialità fin dal Trailer

Il Traduttore
Voglia di cliché? Il giovane dal cuore d'oro, che si scarifica per la famiglia, la donna benestante alla ricerca dei segreti del marito, una passione che li travolge.
Vedere il Trailer per inorridire.


Una Nobile Causa
Produzione veneziana per un film che attraverso le più classiche riflessioni sul pericolo del gioco d'azzardo, cerca di fare il colpaccio.
Interpretazioni da far fischiare le orecchie.
Trailer

25 maggio 2016

10 Cloverfield Lane

Andiamo al Cinema

Ai tempi di The Blair Witch Project già ero uno fifona, già il genere mockumentary non mi convinceva, con la sua fotografia sporca, con le sue inquadrature traballanti.
Mi accontentai dell'episodio-omaggio di Dawson's Creeek, e ancora, quel film diventato un cult, è una lacuna che non mi va di colmare.
Quando uscì Cloverfield, lo stesso, il genere horror non interessava una giovane snob come me, la telecamerina aveva prodotto tanti e troppi horror di serie B nel frattempo.
Ma.
C'era un ma che corrispondeva al nome di J.J. Abrams, in quegli anni diventato guru e idolo di chi seguiva assiduamente una serie chiamata Lost.
E allora, recuperato grazie al videonoleggio, Cloverfield mi fece sussultare (letteralmente) sulla poltrona di casa, e a sorpresa, mi coinvolse.
Sì, faccio parte di chi Cloverfield lo ritiene un gran bel film, come potete leggere QUI.

24 maggio 2016

Banshee - Stagione 4

Quando i film si fanno ad episodi

Era partito come un guilty pleasure primaverile: tante botte, tanto sesso e un cast di sole bellezze, maschili e femminili, a condire il tutto.
Ma c'era una storia, che resisteva, che catturava, e quella storia si è via via arricchita di venature dark, di cattivi, come se davvero tutta la feccia della società finisse lì, a Banshee.
Mafia ucraina, boss amish, nativi americani vendicativi, soldati corrotti, neonazisti.
Tutti lì, e il solo Lucas Hood, da criminale a sceriffo, a tenergli testa.
E così, quello che era un guilty pleasure, quella che era una serie riempitiva, per staccare la spina, è diventata qualcosa di più, è diventata un universo pieno di violenza, ma anche di sentimenti.
Merito non solo di quella storia che si è arricchita, soprattutto in profondità, ma anche di una regia che gioca, si fa maestosa, tra frame mancanti e inquadrature stranianti.
Sì, Banshee è cresciuta con il tempo, sono cresciuti i suoi protagonisti, e ora è giunto il momento di dirgli addio.
Un'ultima stagione, composta di soli 8 episodi, per farlo.
Perchè, ammettiamolo, che tutta questa feccia, questa gentaglia, finisse lì, in un paesino di provincia, iniziava a far storcere il naso.

23 maggio 2016

Lost - Stagione 3

C'è voluto più tempo, causa impegni, causa lavoro, causa vacanzina, ma ce l'abbiamo fatta.
Gli Altri sono arrivati e l'Isola appare sempre più misteriosa.
Un inizio che ricalca quello della seconda stagione, con un colpo di scena ben riuscito, un finale che capovolge la struttura degli episodi facendo gridare dal divano un giovine sconvolto, e nel mezzo, gli Altri.
Gli Altri, o meglio quel Ben Linus dagli occhi a palla che continua a farmi lo stesso effetto inquietante, anche se mai come in quei flashback in cui ricompare il molto più inquietante Ethan, sì, se mi trovassi di fronte, per strada, l'attore William Mapote scapperei a gambe levate!
Forse proprio a causa di un tempo più dilatato per la visione, a causa del lavoro e della vacanzina, questa stagione è parsa meno lineare, divisa com'è in più parti: da una parte, Jack, Sawyer e Kate, catturati dagli Altri, costretti ai lavori forzati, in prigione e di fronte allo scioglimento (forse) del loro triangolo amoroso, dall'altra, gli altri (in minuscolo) con il solo Desmond a portare a casa il risultato, con i suoi deja vu, il suo amore per Penny, che fanno battere il cuore.

Biglietto, Prego! - Il Boxoffice del Weekend

Nemmeno i mutanti richiamano al cinema se fuori c'è il sole.
Nonostante un primo posto che va a scalzare la Civil War, gli X-Men si devono accontentare di un risultato che viste le aspettative si può comunque definire un flop. Decisamente una sorpresa, invece, e positiva, il secondo posto che si accaparra Virzì, in mezzo a blockbuster fa la sua figura.
Per il resto, incassi che colano a picco, che privilegiano film e filmini per famiglie, anche perchè di altre nuove uscite interessanti, non ce n'erano.


I dettagli:

22 maggio 2016

Rumour Has It - Le News dal Mondo del Cinema


Era un po' che questa rubrica non si apriva con novità da parte dell'instancabile James Franco, ed ecco che compare all'orizzonte un nuovo film che l'attore andrà ad interpretare e co-dirigere assieme a Bruce Chung.
Questa volta si cimenterà con il genere distopico, Future World è infatti ambientato in un futuro dove il mondo è stato distrutto da guerre e surriscaldamento globale e in cui un ragazzino cerca disperatamente la medicina per guarire la madre protetto dalla sua guardia del corpo.
Tra le minacce da affrontare, Milla Jovovich, nei panni di un'androide assassina.
Cosa ne uscirà?

21 maggio 2016

Miss You Already

E' già Ieri. -2015-

Di cancro si può ridere.
Si può anche morire, certo, e purtroppo, ma la tendenza al cinema come in TV è parlarne in modo leggero, parlarne ridendo, ridendo con il cancro, sul cancro, del cancro.
Messi da parte quei drammoni anni '90, messi da parte buonismi e finti buonismi che irritano più che commuovere, si può essere leggeri, si può essere seri anche senza prendersi troppo sul serio.
Si pensi a 50 e 50, che ne parlava dal punto di vista -che doveva essere ancora più pesante- di un giovane, si pensi alla compianta serie The Big C, con la rivalsa, la voglia di vivere, si pensi a Quel fantastico peggior anno della mia vita, bello e indie come pochi.
Il tutto diventa ancora più incisivo, più bello, se a scrivere e dirigere ci sono gli inglesi.
Inglesi che prendono un'amicizia perfetta, due vite imperfette di due amiche strette strette, e le mettono in confusione causa cancro.

20 maggio 2016

Money Monster

Andiamo al Cinema

Eccoci qui, davanti ad un'altra lezione di economia da parte del cinema.
No.
Fermi.
Non scappate.
Non temete la noia, i paroloni, i punti di domanda che escono e compaiono sopra la vostra testa.
Money Monster, con il piglio gigione di George Clooney, con la bravura sempre più innegabile di Julia Roberts, con l'astro nascente di Jack O'Connell (uno partito come bullo di Skins e finito tra le grazie di Angelina Jolie nel bruttino Unbroken) e soprattutto con la regia di Jodie Foster, saprà istruirvi senza appesantirvi.
Non temete la noia, no, perchè qui c'è spazio per balletti scatenati a ritmo rap, per gag di youtube che strappano sonore risate, e soprattutto per una lezione di economia tesa e capace di stregare dal primo all'ultimo minuto.
Insomma, se già con The Wolf of Wall Street e con La Grande Scommessa  il cinema aveva dimostrato di aver capito che per parlare di economia si deve saper intrattenere, qui ne abbiamo un'altra, gran prova.
Partiamo con la lezione allora, e partiamo da una domanda semplice semplice: che cos'è un glitch?

19 maggio 2016

Silenzio in Sala - Le Nuove Uscite al Cinema

Dopo i supereroi Marvel, arrivano anche gli X-Men, e la paura tra i distributori regna sovrana.
Unico sfidante di livello, un Virzì al femminile, mentre Tina Fey prova a fare capolino.
Il resto, lo si può tranquillamente evitare, non ci credete?

X-Men: Apocalisse
Nuovo capitolo della saga degli uomini mutanti, capitanata da Bryan Singer e con James McAvoy, Michael Fassbender, Jennifer Lawrence, Oscar Isaac, Nicholas Hoult.
Ovviamente, da snob, lascio il posto ai fan più accaniti.
Trailer
La Pazza Gioia
Virzì torna al cinema dopo il bel Il Capitale Umano.
Se le aspettative sono alte, a rendere insidiosa la riuscita di questo road movie con protagoniste due donne mentalmente instabili, sono proprie le protagoniste, ovvero: Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti che già dal Trailer mi infastidiscono.
Riusciranno comunque a conquistarmi?
Whiskey Tango Foxtrot
Tina Fey smette i panni della comica pura per raccontare la storia vera della giornalista Kim Barker, che nel 2002 atterrò a Kabul ignara della reale situazione di pericolo.
Gran cast (Margot Robbie, Martin Freeman, Alfred Molina) guidato dal duo Glenn Ficarra-John Requa, si ride e si riflette.
Una possibilità gliela si può dare.
Trailer

My Father Jack
'Na poracciata.
Visto il Trailer in economia e la pessima recitazione del cast guidato da Pannofino coinvolto in un ritorno dall'oltretomba e in una rapina imperfetta, questo è l'insindacabile giudizio su questo film dal pretenzioso titolo inglese.

Si Vis Pacem Para Bellum
A proposito di titolo pretenzioso, ecco un noir a basso budget, che racconta le vicende del classico solitario e vendicatore di turno.
Anche no.
Trailer

Mortadello e Polpetta contro Jimmy lo Sguercio
Visto che i bambini vanno accontentati ogni settimana, ecco arrivare dalla Spagna questo film di animazione di serie B.
Ne saranno felici solo i più piccoli.
Trailer

18 maggio 2016

Walter

E' già Ieri. -2015-

Walter si sveglia ogni mattina prima delle sue tre sveglie.
Aspetta che suonino, le spegne, si veste con gli abiti perfettamente stirati preparatigli dalla madre, si mette il gilet rosso d'ordinanza, fa colazione con le uova strapazzate.
Walter esce di casa sempre alla solita ora, si dirige diligentemente verso l'autobus, verso il suo lavoro: un multisala, dove fa le pulizie, stacca i biglietti.
Qui, viene bullizzato dal classico bullo con pretese di grande attore, qui, guarda sognante la bella Devon, addetta alla vendita dei popcorn.
Tutto normale, giusto?
Non proprio.

17 maggio 2016

Scandal - Stagione 5

Quando i film si fanno ad episodi.

Lo si sperava, lo si prevedeva: dopo una prima parte di stagione a vedere un sogno che si infrange, che si avvera come il peggiore degli incubi, Olivia doveva tornare combattiva.
E combattiva la troviamo, armata fino ai denti.
Come risollevare una serie che si è incagliata, come mettere nuovo pepe nelle vite di Presidenti, First Lady e collaboratori?
Semplice, con una campagna elettorale!
Shonda prende spunto dalla realtà, e come già House of Cards va in simultanea con quanto sta accadendo negli Stati Uniti portando i suoi candidati che assomigliano davvero tanto -ma si spera non troppo- a quelli reali.
Un colpo di genio, Shonda si gioca la Trump Card (intesa come carta vincente, anche se, sì, sul candidato repubblicano si va giù pesanti), e vince tutto.

16 maggio 2016

How to get away with murder - Stagione 2

Quando i film si fanno ad episodi.

Se di Shonda ci si può sempre fidare in caso di guilty pleasure, di Shonda non ci si può sempre fidare nel tempo.
L'idee di partenza, sempre originali, sempre accattivanti, vengono poi allungate fino al ridicolo, e se con Grey's Anatomy la cosa continua da ben 12 stagioni iniziando solo ora a stancare anche i fan più accaniti, con How to get away with murder è bastato il secondo anno di vita.
La colpa è fondamentalmente di una serie che si basava su un omicidio e sulla sua soluzione, e l'aver risolto non uno, ma ben due casi, lasciava tentennanti di fronte a una nuova stagione.
La colpa, per quel che mi riguarda, è anche di un cast non ben assortito, di personaggi scritti quasi goffamente, come se la Annalise Keating che ha permesso a Viola Davis di vincere lo scorso anno l'Emmy per la sua interpretazione, dovesse prendersi il peso dell'intera serie sulle spalle.

Biglietto, Prego! - Il Boxoffice del Weekend

Tornata dal mio viaggetto a Londra, la classifica dei film più visti in Italia è stravolta.
Non al primo posto, ovviamente, con l'inossidabile Civil War a farla da padrone, ma nel resto del podio, e non solo, sì.
La prima sorpresa la assesta Jodie Foster che da Cannes arriva direttamente al secondo posto, mentre l'horror di cui tanti parlano arriva al terzo. Sorpresa in negativo il mezzo flop di Violetta, visto che dalla beniamina delle più piccole ci si aspettava decisamente di più.
Nella parte bassa, con incassi piuttosto miseri, sopravvivono i film per famiglie, e il bel The Dressmaker.


I dettagli:

15 maggio 2016

Londra... in Film!

Un piccolo indizio ve lo avevo dato scrivendo fuori stagione di una serie prettamente invernale come London Spy, poi, da spia provetta, con due film francesi avevo cercato di depistarvi.
Sta di fatto che da giovedì a questa parte, io, il giovine e il migliore amico, siamo a Londra.
Un viaggio un po' improvvisato, un po' programmato, e non tanto per festeggiare la quota impressionante di 500.000 visualizzazioni, ma causa (o merito) soprattutto delle offerte di Ryanair e della voglia di una piccola pausa.
Londra, che mi ha visto passeggiare per i suoi parchi o fra i suoi musei già altre volte, mi riaccoglie nella sua caoticità.

Fare un elenco dei film ambientati a Londra sarebbe un'impresa ardua che neanche wikipedia riesce a fare (la pagina dedicata è infatti piuttosto misera rispetto alla realtà), quindi questa Londra in film è fatta dei film che secondo me fanno più Londra.
Pronti a partire?

Trainspotting
Sì, lo so. Trainspotting è in realtà Scozia, Edimburgo.
Ma appena partono le note di Think About The Way di Ice MC per me si è subito nella City.



Notting Hill
La commedia romantica per eccezione, che ha fatto conoscere a tutti il quartiere elegante e british, che ha fatto amare quella panchine con dedica nei parchi.
Grazie per farci sognare Richard Curtis.


La Carica dei 101
A proposito di parchi, seduti su una di quelle panchine, a leggere, ci si sente sempre un po' come Anita.



Peter Pan
Il Big Ben è il mio edificio/monumento/attrazione turistica preferito.
Se ha senso averne uno, con la sua imponenza solenne, con quell'oro che si fonde nel verde, fa sobbalzare il mio cuore ad ogni inquadratura che lo comprende.
La colpa, molto probabilmente, è da dare ai voli di Peter Pan attorno a lui.
O di quelli di Mary Poppins.
O della lotta finale di Basil l'investigatopo, cartone Disney scoperto decisamente troppo tardi.


V per Vendetta
Se Peter e Mary ci volano appresso, se Basil ci rischia la vita, V decide di farlo esplodere assieme al Palazzo del Parlamento in segno di rivolta.
La Londra del fumetto di Alan Moore prima e del film di James McTeigue poi, sono però distanti dalla Londra del mio cuore.



Sherlock Holmes
Il 221B di Bakery Street sarà battuto in lungo e in largo, anche se le riprese della serie avvengono nella vicina Gower Street.
Benedict, se mi leggi, fa che ci incontriamo, magari all'ombra del Globe Theatre.


Harry Potter
Da nuova fan della saga del maghetto inglese, una visita al mitico binario 9 e tre quarti della stazione di King Cross non potrà mancare.
Purtroppo, il giro agli Harry Potter Studios che sembrano una meraviglia, è al momento troppo dispendioso per una turista dell'ultim'ora come me.


Abbey Road
Meta principale della vacanza, è non tanto la mitica strada dove i Beatles scattarono la celebre foto, ma gli studios dove il terzo incomodo tra noi deve sostenere un esame.
Cosa che "giustifica" il viaggio.
Quella foto è negli anni stata ripresa un po' da chiunque, nel cinema come nella TV.


14 maggio 2016

Les Souvenirs

Andiamo al Cinema

Dopo una delusione, l'amore.
No, non parlo del classico ciclo della vita, ma di due film francesi, dalle tematiche simili ma dai risultati completamente opposti.
Se Florida ha saputo deludere e irritare, infatti, Les Souvenirs sa come conquistare, con quella leggerezza che nasconde non poca profondità tipicamente francese.
Ancora una volta abbiamo una vecchietta protagonista, una vecchietta tenace che non vuole abbandonarsi e crogiolarsi nel suo dolore e nella sua solitudine, ma non abbiamo solo lei, perchè la fortuna di questo piccolo film uscito in sordina, è la coralità del suo racconto.

13 maggio 2016

Florida

Andiamo al Cinema

Film francese, girato in luoghi e case splendide, con un vecchino in fuga protagonista.
Sembrerebbe il film perfetto, almeno per una gerontofila come la sottoscritta.
Peccato che il film francese in questione, non riesca a fare breccia nel cuore.
E non tanto per una realizzazione che appare stanca e senza le solite maestrie d'oltralpe, quanto per una sceneggiatura imperfetta, che brucia le buone idee.

12 maggio 2016

Silenzio in Sala - Le Nuove Uscite al Cinema

Il Festival di Cannes è iniziato, e dal Festival di Cannes arriva l'unico titolo davvero attraente di una settimana che subisce ancora l'ondata della Civil War oltre che della bella stagione che fa tremare i distributori.
A riempire le sale, come no, ci sono allora tanti titolini per lo più italiani, cacciati alla rinfusa e che in pochi affronteranno.
Ad avere la meglio potrebbe essere un film di ben 6 anni fa.

Money Monster - L'altra faccia del denaro
Direttamente da Cannes arriva il film con Jodie Foster regista e George Clooney e Julia Roberts protagonisti, ma c'è spazio anche per il giovane Jack O'Connell. Storia attuale e interessante, con un giornalista finanziario ostaggio in diretta di chi ha seguito i suoi consigli perdendo tutto.
Da vedere.
Trailer
Wild Salomé
Arriva con 6 anni di ritardo il film che ha il merito di aver lanciato Jessica Chastain al cinema. L'opera teatrale di Oscar Wilde viene qui ripresa e analizzata da Al Pacino, regista e attore.
Da recuperare, se già non si è fatto.
Trailer
The Boy
Horror che corre sulla rete da un po', per appassionati la cui stagione sembra finalmente rosea.
Un pupazzo formato bambino porterà i giusti brividi?
Trailer
Pericle il Nero
Presentato nella sezione Un Certain Regard di Cannes, e unico italiano nella croisette, il film di Stefano Mordini con Riccardo Scamarcio racconta di un boia della mafia in fuga dopo un errore fatale. Incontrerà l'amore.
Nì.
Trailer


La Sposa Bambina
Aria di radicalchicchismo in una storia potenzialmente vera che arriva dallo Yemen e che racconta il dramma delle spose bambine.
Non è propriamente stagione.
Trailer


Viaggio da Paura
Dagli Emirati Arabi un road movie con del potenziale, che vede riuniti un gruppo di amici in pellegrinaggio da Abu Dhabi a Beirut per visitare la tomba dell'amico morto sotto un bombardamento.
Trailer


Il Ragazzo della Giudecca
La Giudecca è stata la mia isola nei 3 anni vissuti a Venezia, ma questo film italiano dalle basse pretese e che racconta il lungo calvario di un cantante accusato di collaborare con la mafia, non ispira neanche un po'.
Nemmeno se ispirato a fatti veri.
Trailer


Con tutto l'amore che ho
Film italiano, con Cristèl Carrisi, a tematica stalker, con tanto di analisi dell'Otello shakespeariano.
Anche no.
Trailer agghiacciante


Due euro l'ora
L'amicizia speciale tra due donne, diverse per età e per origine, che si ritrovano sottopagate e vessate in un lavoro in nero.
Aria di pesantezza.
Trailer


Un Poliziotto ancora in prova
Sequel non richiesto della commedia poliziesca con protagonisti Ken Jeong e Ice Cube.
Americanata leggerissima.
Trailer


Tini - La Nuova Vita di Violetta
Dalla TV al cinema, la fama di Violetta fra le più piccole ha spinto al grande passo.
Solo per accanite fan.
Trailer


Il regno di Wuba
Caso dell'anno in Cina, il film di animazione racconta del giovane Tianyin a cui viene affidato Wuba, l'erede al trono del Regno dei Mostri. Dovrà proteggerlo con l'aiuto della cacciatrice Xiaonan.
Per i più piccoli.
Trailer
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...