5 maggio 2018

Chicago

Once Upon a Time (in America) -2002-

Ma come?
Scrivo che sono a New York, che starò a Manhattan per una settimana, e poi mi guardo e scrivo di Chicago?
Cos'è questo spostarsi da una parte all'altra dell'America?
E' che in realtà Chicago lo vedrò a New York.
Lo, al maschile, inteso non come la città, ma come lo spettacolo-musical, perché vuoi andare a New York, rimanerci una settimana e non andare a Broadway?
Ovviamente no.





E quindi, una rispolverata al film di Rob Marshall del 2002 andava fatta, anche solo per non perdersi tra una canzone e l'altra, tra un passaggio e l'altro dei dialoghi.
Lo (il film) avevo visto alla sua uscita al cinema, o poco dopo, e che potesse battere uno Scorsese o un Polanski o anche solo Dakdry, mi sorprende. Ne avevo un bel ricordo, comunque. Avevo ancora delle melodie in testa, un amore per il Cell Block Tango a suggellare l'amore per i tanghi nei musical dopo quello di Roxanne in Moulin Rouge!
Per il resto ammetto di aver dimenticato gran parte della trama, e che nonostante l'atmosfera, le musiche splendide, questa re-visione l'ho un po' patita, ritrovandoci i difetti che tutti i non amanti dei musical imputano ai musical: troppe canzoni, poca sostanza, ogni scusa è buona per partire a cantare.


Ora, qui la sostanza c'è, arricchita poi dalla bellezza di quegli anni '20 e da un'ambientazione tra cabaret e prigioni che stuzzica parecchio.
Ci sono pure le grandi interpretazioni, e se il fascino di Richard Gere continua a restare per me un mistero, continuano invece a sorprendermi Catherine Zeta-Jones e Renée Zellweger all'apice della loro carriera e forma, belle e brave, in mise di tutto punto, anche in divisa carceraria.
A far simpatia, quella Queen Latifah che ricordavo più presente, ma che ora posso ridimensionare, come personaggio piuttosto secondario.
Ci si dilunga, quindi, è vero, si calca qua e là la mano, ma musiche, abiti, balli e interpretazioni restano bellissime, resta appassionante passare da un cabaret, ad un carcere, ad un'aula di tribunale, e anche se qua e là i 109 minuti si son fatti sentire, sarà ancora più emozionante godere di tutto questo dal vivo, su di un palco, a Broadway, New York.



Regia Rob Marshall
Sceneggiatura Bill Condon
Musiche Danny Elfmann
Cast Renée Zellweger, Catherine Zeta-Jones,
Richard Gere, Queen Latifah

10 commenti:

  1. Forse un po' sopravvalutato, ai tempi, ma una bella festa.
    Lo ricordo molto bene. In casa, ho ancora la videocassetta, pensa. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un reperto preistorico! Al tempo lo avevo amato di più, visto prima della partenza l'ho un po' patito per la lunghezza e il troppo cantato, e diciamo pure che dopo il musical, resterà offuscato ;)

      Elimina
  2. Anche per me un pò sopravvalutato, ma senza dubbio un grande spettacolo.
    Ed uno dei musical preferiti di Julez.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco Julez, a Broadway sono state faville e la Roxy sul palco irresistibile davvero! Qui, si esagera un po' troppo, si va troppo per le lunghe.

      Elimina
  3. Anche io lo ho apprezzato e lo ricordo ancora per le canzoni e i costumi, e amando gli anni 20 e trenta l'ho apprezzato ancora di più per questo, ma lo sviluppo della storia era fiacco indubbiamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' veloce, un po' calante nella parte del tribunale. Sembrano due film diversi e il distacco si sente troppo. Restano abiti, musiche, attrici e ambientazione davvero da favola!

      Elimina
  4. Come film non mi era dispiaciuto, nonostante fosse diretto dal pessimo Bill "Condom".
    Il musical a Broadway però non so se me lo vedrei... Punterei magari su altro. Ad esempio mi pare abbiano fatto la versione musical di Mean Girls. Quella sì sarebbe interessante. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, pensa che fra amici siamo stati divisi: io votavo Aladdin, un altro Mean Girls, e alla fine ci siamo accordati su Chicago, che è decisamente migliore del film, quanta magia!

      Elimina
  5. Uno dei pochi film musicali che sopporto...ma a Broadway non credo vedrei mai, tuttavia spero ti sia divertita tanto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho guardato l'intero spettacolo con il sorriso stampato in faccia, quanta bravura, quanta bellezza!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...