8 agosto 2017

Genius

Mondo Serial

Ci sono serie TV che ti insegnano come ammaestrare draghi e usurpare troni, serie che ti insegnano come produrre e spacciare droga, serie che ti fanno semplicemente ridere, e serie che qualcosa te lo insegnano davvero, come i vecchi sceneggiati di mamma Rai, quando l'educazione si faceva attraverso il piccolo schermo.
Non a caso, la serie in questione è prodotta da National Geographic, è una serie antologica e per ogni stagione punterà i riflettori su un genio. Si inizia con IL genio del secolo scorso, un certo Albert Einstein.



Il padre della fisica moderna, del relativismo, dell'energia, e pure della bomba atomica.
Questo, si sa, di Einstein se fisici di professione non si è.
Molto di più, sulla sua tormentata vita privata e sulle sue teorie, si saprà a fine visione.
Il lato tecnico è ovviamente encomiabile, non ci si risparmia in location, costumi, ricostruzioni, e non ci si risparmia sul cast, capitanato sì dal nominato ai prossimi Emmy Geoffrey Rush, che offre il ritratto di Einstein anziano malinconico e sofferente, e dalla compagna Emily Watson, ma non da meno -anzi- sono i giovani Johnny Flynn (sì, il bel Dylan di Lovesick) e Samantha Colley, una Mileva Maric con cui la Storia può far pace.


Perché la serie, nell'andare avanti e indietro nel tempo, nel scegliere di partire dai tragici anni dell'ascesa di Hitler che costrinsero l'ebreo non praticante e apolide di Einstein ad andarsene dalla Germania, per esplorare la sua gioventù e il suo futuro americano, mostra molto del lato privato del fisico, mostra il suo egoismo, il suo matrimonio diverso, la paternità non sentita e gli anni della passione verso Mileva che lasciano il posto alla rabbia e al rancore di quest'ultima per i sacrifici compiuti e un futuro magari altrettanto roseo messo da parte.
Impietoso e schietto, il ritratto di questo genio  delle teorie e ignorante della pratica domestica, che si prende comunque delle licenze artistiche, riesce a ben spiegare e appassionare a una materia ostica come la fisica, con quell'annus mirabilis entusiasmante, con la questione spinosa della bomba atomica rimessa in discussione.
Educativa quanto basta, sentimentale e pure commovente nel suo finale, Genius insegna a porsi sempre domande, e allora, a quando un altro viaggio all'interno di una mente portentosa?
Risposta: a breve, con Picasso.


6 commenti:

  1. Potrei recuperare, anche se Picasso (che so essere stato un grande stronzo) già mi ispira di più. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sottovalutare la stronzaggine di Albert, pure lui nel privato, suo malgrado, non scherzava ;) Come prima stagione ha davvero il suo perchè.

      Elimina
  2. A me è piaciuta tanto, diversa da altre ma ugualmente eccezionale :)
    Picasso invece non mi attira granché..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà che preferisco le grandi menti matematiche, ma pure io ho dei dubbi su Picasso. Staremo a vedere, di certo il cast dovrà avere il suo peso.

      Elimina
  3. Odio la fisica e le serie educative...
    Mai sopportati Einstein, Geoffrey Rush e National Geographic.
    Dici che ce la posso fare a non odiare una serie del genere? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce la puoi fare perchè Einstein non era uno stinco di santo e perchè il bel Johnny Flynn ha un accento bellissimo. Poi, molto spesso la fisica passa in secondo piano rispetto ai triangoli amorosi di Albert, ti ho convinto?

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...