7 gennaio 2018

Golden Globe 2018 - I Pronostici

La stagione dei premi ha inizio, e come sempre, è tempo di fare pronostici e cercare di prevedere e anticipare.
Difficile, come sempre, farlo con i Golden Globe, con tanti film che ancora in Italia non sono usciti e che se anche disponibili per altre vie, aspetto pazientemente sul grande schermo.
La sfida, almeno per il mio cuore, è tutta fra due film bellissimi che già a Venezia se lo sono conteso: i Tre Manifesti a Ebbing, Missouri e The Shape of Water. Diversissimi tra loro, ma capaci di rimanere e lasciare il segno.
Dovrebbe -e giustamente- rimanere a bocca asciutta Dunkirk, anche se qualche premio tecnico ci sta, mentre la bandiera italiana di Guadagnino sembra avere chance qua e là.
Tra le commedie che commedie non sono (un giorno ci spiegheranno la scelta di Get Out confinato in questa categoria), l'incognita la fa più da padrone vista la delusione per The Greatest Showman.
E se tra i film stranieri la troppa serietà non aiuta a sbilanciarsi, per l'animazione sarà scontro fra le lacrime di Coco e quelle di Loving Vincent.

Più facile predire già le vittorie di The Handmaid's Tale e Big Little Lies fra le serie TV, con il cuore questa volta diviso solo per le comedy, tra le risate intelligenti di Master of None e The Marvelous Mrs. Maisel.


Ma bando ad ulteriori ciance, link e premesse, andiamo con le previsioni:



Miglior film drammatico
Chiamami col tuo nome
Dunkirk
The Post
The Shape of Water
Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Lo humour nero di McDonagh, la guerra di Nolan, la serietà di Spielberg o l'amore secondo Guadagnino? Con 3 film su 5 visti, pendo verso la poesia di del Toro, in attesa di recuperi importanti.

Miglior film commedia o musicale
The Disaster Artist
Scappa - Get Out
The Greatest Showman
I, Tonya
Ladybird

Non è l'anno giusto per un altro musical, soprattutto se piuttosto deludente. L'horror un po' troppo sopravvalutato in patria non è nella categoria giusta, ma sulla fiducia punto tutto sull'esordio alla regia di Greta Gerwig.

Miglior regista
Guillermo Del Toro - The Shape of Water
Martin McDonagh - Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Christopher Nolan - Dunkirk
Ridley Scott - Tutti i soldi del mondo
Steven Spielberg - The Post

Ancora del Toro, sì, perchè dietro la macchina da presa riesce a creare un'energia e dei movimenti che entrano nel cuore. Nolan potrebbe qui avere il suo contentito? Chissà.

Miglior attrice in un film drammatico
Jessica Chastain - Molly's Game
Sally Hawkins - The Shape of Water
Frances McDormand - Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Meryl Streep - The Post
Michelle Williams - Tutti i soldi del mondo

La Hawkins strega anche senza parlare, ma la McDormand è strepitosa e diventa da subito l'idolo di un film sorprendente. Spiace per la Chastain, all'ennesima nomination ma con meno speranze della concorrenza.

Miglior attrice in un film commedia o musicale
Judy Dench - Victoria e Abdul
Helen Mirren - Ella & John
Margot Robbie - I, Tonya
Saorsie Ronan - Ladybird
Emma Stone - La battaglia dei sessi

Emma Stone potrebbe fare doppietta? Dubito, e mettendo da parte due signore attrici, lasciamo campo aperto a due giovani: con Ladybird e Tonya ancora da vedere, preferisco quest'ultima, che la Robbie non è solo una bellezza indiscutibile.

Miglior attore in un film drammatico
Timothée Chalamet - Chiamami col tuo nome
Daniel Day Lewis - Il filo nascosto
Tom Hanks - The Post
Gary Oldman - L'ora più buia
Denzel Washington - Roman J Israel, Esq.

Si premierà l'uscita di scena di Daniel Day-Lewis? I Golden Globe solitamente evitano premi troppo telefonati, e a troppe vecchie glorie potrebbero preferire il quasi esordiente Chalamet.

Miglior attore in un film commedia o musicale
Steve Carell - La battaglia dei sessi
Ansel Elgort - Baby Driver
James Franco - The Disaster Artist
Hugh Jackman - The Greatest Showman
Daniel Kaluuya - Scappa - Get Out

Scontro più aperto e più difficile da prevedere. Vero è che Hugh regge l'intero musical, che Elgort parla poco ma lascia il segno e Carell gigioneggia che è un piacere. Ma James Franco, sulla fiducia, e per l'instancabile carriera, un globo se lo merita.

Miglior attrice non protagonista
Mary J. Blige - Mudbound
Hong Chau - Downsizing
Allison Janney - I, Tonya
Laurie Metcalf - Ladybird
Octavia Spencer - The Shape of Water

La Spencer farà sempre il personaggio alla Spencer, ma è come sempre irresistibile, e la si vorrebbe sempre al proprio fianco. Con la Blige fin troppo non protagonista, e Hong Chau in disparte, si punta su di lei, in attesa di vedere i film mancanti.

Miglior attore non protagonista
Willem Dafoe - The Florida Project
Armie Hammer - Chiamami col tuo nome
Richard Jenkins - The Shape of Water
Christopher Plummer - Tutti i soldi del mondo
Sam Rockwell - Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Probabilmente Armie Hammer si merita ogni elogio letto qua e là, ma Chiamami col tuo nome non l'ho ancora visto. Ho visto però un sorprendente e strepitoso Sam Rockwell, odioso al punto giusto, rivelazione nel finale di un film che gli attori li mette in stato di grazia.

Miglior film straniero
Una donna fantastica
Per primo hanno ucciso mio padre
In the Fade
Loveless
The Square

Due film su cinque visti, ed entrambi non del tutto convincenti. Diane Kruger sembra quindi la favorita, a meno che non si voglia giocare la carta buonismo con Angelina Jolie.

Miglior film d'animazione
Baby Boss
The Breadwinner
Coco
Ferdinand
Loving Vincent

La Pixar dovrebbe avere vittoria facile, in una categoria che l'ha sempre vista dominare. Occhio però a quell'animazione diversa e dipinta di Loving Vincent.

Miglior Sceneggiatura
The Shape of Water
Ladybird
The Post
Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Molly's Game

Dialoghi taglienti, lettere che fanno piangere ogni lacrima, battute ironiche e nere e infine un'evoluzione dei personaggi meravigliosa. Sì, McDonagh è l'uomo giusto, ma deve vedersela con il romanticismo di Del Toro e con un pezzo da 90 come Aaron Sorkin.

Miglior colonna sonora
Carter Burwell - Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Alexander Desplat - The Shape of Water
Johnny Greenwood - Il filo nascosto
John Williams - The Post
Hans Zimmer - Dunkirk

Burwell e i suoi ritmi rallentati la fanno da padrone. Poi sì, c'è il solito, solidissimo Zimmer, e pure il poetico Desplat. Sfida aperta.

Miglior canzone
Home - Ferdinand
Mighty River - Mudbound
Remember Me - Coco
The Star - The Star
This is Me - The Greatest Showman

Le canzoni di un musical dovrebbero essere la sua roccia, ma The greatest showman fallisce in leggerezza. Tra la troppo country Mighty River e la troppo Mariah Carrey The Star, vado per Coco, in originale già più accettabile.

GOLDEN GLOBE - TV

MIGLIOR SERIE - DRAMA
Il Trono di Spade
Stranger Things
The Crown
The Handmaid's Tale
This Is Us

Non dovrebbe esserci storia né sfida. La serie dell'anno per gli Emmy e qui, e giustamente.
MIGLIOR SERIE - COMEDY O MUSICAL
Black-ish
Master of None
SMILF
The Marvelous Mrs. Maisel
Will & Grace

La comedy sorpresa di fine anno contro la meraviglia creata da Aziz Ansari. Il cuore diviso in due.
MIGLIORE ATTORE IN UNA SERIE - DRAMA
Jason Bateman, Ozark
Sterling K Brown, This Is Us
Freddie Highmore, Bates Motel
Bob Odenkirk, Better Call Saul
Liev Schreiber, Ray Donovan

Una cinquina non certo fra le migliori, con nomi che continuano a girare da anni. Scelgo il meno peggio, anche se l'entusiasmo per This is us un po' mi è calato.
MIGLIORE ATTRICE IN UNA SERIE - DRAMA
Caitriona Balfe, Outlander
Claire Foy, The Crown
Maggie Gyllenhaal, The Deuce
Katherine Langford, Tredici
Elisabeth Moss, The Handmaid's Tale

Come per la serie, nemmeno per l'attrice dovrebbe esserci sfida. Claire Foy, poi, ha già vinto lo scorso anno.

MIGLIORE ATTORE IN UNA SERIE - COMEDY O MUSICAL
Anthony Anderson, Black-ish
Aziz Ansari, Master of None
Kevin Bacon, I Love Dick
William H. Macy, Shameless
Eric McCormack, Will & Grace

Aziz Ansari nuovo maestro di vita.

MIGLIORE ATTRICE IN UNA SERIE - COMEDY O MUSICAL
Pamela Adlon, Better Things
Alison Brie, GLOW
Rachel Brosnahan, The Marvelous Mrs. Maisel
Issa Rae, Inseucre
Frankie Shaw, SMILF

Una trasformazione sorprendente se la si ricorda in House of Cards, a darle testa, un'altra sorpresa comica come la Brie. Trasformiste, sicurezze.
MIGLIOR MINISERIE O FILM TV
Big Little Lies
Fargo
FEUD: Bette and Joan
The Sinner
Top of the Lake: China Girl

Si ripeterà l'exploit degli Emmy? Probabile. Girls Power fra le serie TV.
MIGLIORE ATTORE IN UNA MINISERIE O FILM TV
Robert De Niro, The Wizard of Lies
Jude Law, The Young Pope
Kyle MacLachlan, Twin Peaks
Ewan McGregor, Fargo
Geoffrey Rush, Genius

Snobbato in ogni dove, il prodotto seriale made in Sorrentino potrebbe avere qui la sua rivincita. E papa Jude lo meriterebbe.
MIGLIORE ATTRICE IN UNA MINISERIE O FILM TV
Jessica Biel, The Sinner
Nicole Kidman, Big Little Lies
Jessica Lange, FEUD: Bette and Joan
Susan Sarandon, FEUD: Bette and Joan
Reese Witherspoon, Big Little Lies

Meglio la parlantina di Reese o i silenzi di Nicole? Sfida nella sfida, alla faccia -si spera- di Feud.
MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA IN UNA SERIE, MINISERIE O FILM TV
David Harbour, Stranger Things
Alfred Molina, FEUD: Bette and Joan
Christian Slater, Mr. Robot
Alexander Skarsgard, Big Little Lies
David Thewlis, Fargo

Pure qui, si dovrebbe vincere a tavolino.
MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA IN UNA SERIE, MINISERIE O FILM TV
Laura Dern, Big Little Lies
Anne Dowd, The Handmaid's Tale
Chrissy Metz, This Is Us
Michelle Pfeiffer, The Wizard of Lies
Shailene Woodley, Big Little Lies

Se agli Emmy ha trionfato la Dern, ai Globi dovrebbe spuntarla la giovane del cast, la convincente Shailene.

Con i pronostici è tutto, questa notte scopriremo quante ne ho azzeccate, in una lunga e sfiancante diretta. 
Appuntamento per la mattina con i risultati, e ovviamente con il red carpet.

6 commenti:

  1. Chalamet l'ho trovato davvero, davvero straordinario.
    Spero preferiscano la sua naturalezza ai trucchi e ai lazzi di un Oldman, mal sopportato a Torino. Guadagnino meriterebbe, molto, ma dopo Moonlight, con lo stesso tema...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guadagnino vorrei godermelo su grande schermo, e sto cercando di stare lontana dai soliti siti che lo mettono disponibile e dalle tante acclamazioni, non vorrei partire con aspettative altissime... Staremo a vedere ;)

      Elimina
  2. Mi mancano 3 manifesti e The Shape of Water, però ho già visto Lady Bird e Tonya, quindi previsioni un po' diverse dalle tue, quest'anno.
    Per me l'importante è che non trionfi Dunkirk, anche se ho paura che succederà...

    Per le serie, potrebbe finalmente essere un grande anno per le comedy: forza Mrs. Maisel!

    Per la diretta però non so se ce la farò stanotte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi sono presa un giorno in più di ferie, e streaming permettendo ci sarò.
      I due che ti mancano sono quelli che a Venezia si sono contesi il mio cuore, e farebbero faville anche dalle tue parti. In attesa di recuperare i pezzi mancanti, Dunkirk sembra davvero lo svantaggiato del gruppo. E spero resti tale.

      Elimina
  3. Willem Dafoe fa tana a tutti e frega sia Armie Hammer (che merita anche la nomination all'Oscar) che Sam Rockwell (Tre manifesti a Ebbing vado a vederlo entro il weekend, sarà il mio primo film al cinema quest'anno!). Chissà chi vincerà!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispondo con la busta già aperta e di cui sono felicissima, in attesa però di vedere all'opera sia Dafoe che Hammer, mi aspetto grandi cose!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...